Campari svela la copertina del calendario 2015 con Eva Green

00 Campari Calendar 2015_Mithology Mixology_Eva Green_Cover_LRCampari, la multinazionale degli alcoolici di Sesto San Giovanni, ha svelato la copertina del Calendario Campari 2015, con protagonista l’attrice hollywoodiana Eva Green. Il titolo è “Mythology Mixology”, sarà presentato ufficialmente il 5 novembre prossimo. L’iconica immagine di copertina del Calendario ritrae la splendida protagonista femminile di quest’anno, Eva Green, in un abito da sera rosso in posa accanto a una macchina del tempo Campari, che rappresenta le date principali della ricca e variopinta storia del marchio e celebra dodici dei cocktail classici più amati di sempre. Un viaggio costellato di storie affascinanti che ripercorre il glorioso passato del marchio Campari, dalle sue origini più di 150 anni fa fino ad oggi. Una reinterpretazione in chiave contemporanea che invita gli amanti del brand a guardare al futuro e a immaginare le infinite prospettive di questo marchio senza tempo.

La posa accattivante della musa Eva invita gli appassionati a seguirla in un viaggio: l’affascinante eroina ci guida attraverso una reinterpretazione in chiave contemporanea della storia del brand, celebrando le ricette dei classici cocktail conosciuti e apprezzati in tutto il mondo ancora oggi. Gli scatti dell’edizione 2015 del Calendario sono firmati Julia Fullerton-Batten, celebre fotografa d’arte acclamata in tutto il mondo e prima donna a capo del progetto Calendario Campari.

Il Calendario Campari, stampato in sole 9.999 copie, non sarà in vendita, ma verrà distribuito agli amici di Campari in tutto il mondo. Gli amanti del brand Campari sono coinvolti nel making-of del Calendario, poiché le immagini del back stage e una guida interattiva ai cocktail saranno sfogliabili sulle piattaforme social media del marchio, tra le quali Facebook, Twitter, Instagram e Pinterest.

Emergenza casa a Sesto, dal Comune 130mila euro per aiutare gli sfrattati

Sbloccati, per decisione della Giunta comunale di Sesto San Giovanni, 130mila euro dal Fondo di riserva per rispondere all’emergenza sfratti. “Il Fondo può essere utilizzato in caso si verifichino esigenze straordinarie di bilancio – ha commentato il vicesindaco e assessore alla casa Felice Cagliani – e in questo caso abbiamo deciso di prelevare questa quota per l’emergenza sfratti. Dall’inizio dell’anno a Sesto circa 80 famiglie sono state sfrattate per pignoramenti o per morosità e per altri 120 è in corso la procedura; un dato impressionante, che mette tutti i comuni di fronte ad un dramma che può trovare una soluzione solo se le istituzioni, ad ogni livello, fanno la loro parte. Ormai non è più possibile che le singole amministrazioni comunali siano lasciate sole ad affrontare il problema: c’è chi, come noi, mette in campo tutti gli strumenti finanziari e tutte le iniziative possibili e chi, al contrario, non ha la volontà o la possibilità di farlo. Grazie al lavoro fatto insieme ad altre amministrazioni comunali siamo riusciti ad ottenere un blocco degli sfratti fino al 31 ottobre e ci stiamo battendo perché possa venire prorogato. Ma ormai anche gli enti più attrezzati e attenti hanno l’acqua alla gola e senza interventi strutturali possiamo solo tamponare l’emergenza”.

1 2 3