Lettera aperta di 22 scienziati a Renzi: «La Strategia Energetica Nazionale è sbagliata».

se-renzi-vinceFermare le trivellazioni previste nello “Sblocca Italia”.

Al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi

e, p.c.,

al Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi

al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Gianluca Galletti

al Ministro dell’Economia e Finanze, Pietro Carlo Padoan

al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin

al Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Stefania Giannini

Lettera Aperta – La Strategia Energetica Nazionale

Caro Presidente,

siamo un gruppo di docenti e ricercatori dell’Università e dei Centri di ricerca di Bologna. In virtù della conoscenza acquisita con i nostri studi e la quotidiana consultazione della letteratura scientifica internazionale, sentiamo il dovere di esprimere la nostra opinione sulla crisi energetica e sul modo di uscirne.
Definire le linee di indirizzo per una valida Strategia Energetica Nazionale è un problema complesso, che deve essere affrontato congiuntamente da almeno cinque prospettive diverse: scientifica, economica, sociale, ambientale e culturale. I punti fondamentali dai quali non si può prescindere sono i seguenti:

1) E’ necessario ridurre il consumo di energia, obiettivo che deve essere perseguito mediante un aumento dell’efficienza energetica e, ancor più, con la creazione  di una cultura della parsimonia, principio di fondamentale importanza per vivere in un mondo che ha risorse limitate.