Automobili usate: il mercato si sposta sulla rete

Da quando la rete ha inglobato ogni forma di attività, anche in campo economico, sono molti i settore che hanno utilizzato la tecnologia internet per incrementare la propria offerta.

Chi vende una vettura ad esempio, oggi si rivolge al web per facilità: questo perché dalla parte opposta anche chi acquista lo fa prendendo internet come punto di riferimento. La rete come piazza virtuale nelle quale far incontrare domanda e offerta.

È stato così per tanti settori; ed è così anche per il mercato dell’automobile. Sono tanti i soggetti implicato in questo ricco tourbillon di affari: dai portali che offrono la propria vetrina per consentire, a chi vende, di pubblicizzare la propria vettura. Ad altri soggetti nati in quest’epoca 2.0, caratterizzata da una nuova creatività, per dare nuove possibilità ad utenti vari.

Ebbene in quest’ultimo elenco vanno ad inserirsi ad esempio i servizi di compro auto in contanti: moderni intermediari che sulla scia di quanto fatto, ad esempio, dai compro oro negli anni passati, vanno ad acquistare in tempo reale e pagando istantaneamente vetture usate da clienti con l’esigenza di monetizzare.

Un meccanismo rapido e piuttosto comodo che può portare alla chiusura di una trattativa nel giro di poche ore. Chi vende infatti può ricevere una bozza di valutazione tramite il web per poi recarsi in sede. Dove gli verrà offerta una cifra sulla base del reale stato della propria automobile. L’utente che accetta l’offerta, che da quanto si legge può essere, spesso e volentieri, inferiore alle aspettative, vedrà chiudersi immediatamente la trattativa.

Pagamento immediato e zero attese in termini di tempo; che il rischio di chi vende una macchina privatamente è proprio quello di perdersi tra inserimento di annunci su siti e giornali di settori e appuntamenti vari con utenti che poi, nel 90% dei casi, si rivelano solo perdite di tempo.

Il tutto a fronte di una cifra inferiore su quanto ci si aspetta. Pro e contro di uno strumento nuovo e modellato sulla realtà attuale, che racconta di un sistema in crisi anche per quello che riguarda il comparto delle auto.